• Gigante Alberobello 2016
  • Slide Sito Piscina
  • Mare Policoro phMarika

  • bianco e nero libro di filippo gigante
  • Seguimi su Facebook, Twitter e Instagram | ph. Marika Ramunno

  • Scrittore e Social Media Manager | ph. Marika Ramunno

  • BIANCO E NERO | Il romanzo d'esordio | ph. Marika Ramunno

AddThis Social Bookmark Button

su di me

Nato il 10 Febbraio 1983 ad Alberobello. Social Media Manager, amante dello sport e della natura, grande comunicatore e lettore con la passione per il cinema e le nuove tecnologie. Nel 2011 pubblica BIANCO E NERO, un romanzo coinvolgente e poetico che ha emozionato lettori di ogni età. A Luglio 2013 esce il suo secondo romanzo LA PISCINA DELLE MAMME.

Leggi tutto

 

Demo Image

BIANCO E NERO

Il protagonista Alex, è un ragazzo di circa venticinque anni rimasto orfano del padre Domenico e sua madre Marina è una figura alquanto assente in casa.

 

ordine libro

LA PISCINA DELLE MAMME

BERTA ed OLGA, sono le due protagoniste del mio nuovo romanzo La Piscina Delle Mamme. Scopri la loro storia.

 

aforismi e poesie di filippo gigante

POESIE E AFORISMI DI FILIPPO

Filippo Gigante appassionato lettore e scrittore, ci delizierà con i suoi aforismi e le sue poesie grazie all'ospitalità del sito aphorism.it 

 

Stampa

Connessioni_Blog_03

Scritto da Filippo Gigante. Postato in Non categorizzato

(ph. Marika Ramunno - POLICORO LIDO | Basilicata)

Ci si accorge delle cose più importanti quando sono distanti dai nostri occhi. Ogni sera, dalla finestra della mia camera o in giro con gli amici, alzo il mio sguardo al cielo e mi soffermo a cercare e ad ammirare la luna. Gli istanti di contemplazione, cullandosi nel silenzio o tra le voci intorno, aprono la mente all'immaginazione che inizia a prendere forma indefinita da un indomabile segno tracciato a pastello da un artista che si aggira, saltellando, tra i più svariati pensieri. Mi piace definire artista l'animo di ogni persona, perché se pur diversi e con i nostri pregi e difetti, abbiamo tutti più o meno delle piccole o grandi cose in comune. Ciò che ci rende simili è il dono della vita. La differenza sta nel scartare, condividere e amare questo stesso dono, perché se pur consapevoli della forza, dell'importanza e dell'unicità di ciò che rappresenta è pur sempre un piccolo o grande fardello da portare giorno dopo giorno. Quante insidie, quante strade, quanti traguardi e quante sconfitte siamo pronti a collezionare? Si dice che più cose vedremo e conosceremo nel tempo, più cose si diventa. Siamo come un puzzle di piccoli e grandi pezzi che sono persone, momenti in grado di farci migliorare o sbagliare per l'ennesima volta, ma più che importarci di ciò che potremmo incontrare sul nostro cammino, dovremmo chiederci se riusciamo sempre a dimostrare il meglio di noi stessi. È lì, in quegli attimi di riflessione, che le stelle iniziano a fermarsi e nel Cielo ogni cosa sembra fissarti e ascoltarti. Ogni elemento, visibile o invisibile, ascolta i tuoi pensieri e l'Universo inizia a connettersi con te.

Eppure, nonostante la grandezza del Cielo, ciò che sentiamo di meritarci è una vista sul mare... dove un vento leggero gioca sulle onde, dove senti una calma apparente farsi largo ovunque e ti fa sentire bene. A me piace il mare, ma preferisco guardare in faccia la realtà. Preferisco sorridere all'artista più eroico che sa come proteggere i miei sentimenti, perché in fondo siamo tutti capaci di sognare e immaginare. Preferisco sorreggermi su ciò che mi appartiene davvero senza costruirmi castelli di sabbia e allontanarmi dal mare, perché quella stessa bellezza così naturale può distruggere tutto in un istante. Sognare è bello, perché è così che si nutre la speranza ma credo che poter condividere la vita con quanti, come te, sanno portare il rassicurante e sereno riflesso del mare nei propri occhi, sia molto meglio.

Guardo negli occhi la gente. Mi piace poter entrare a piccoli gesti nelle loro vite, senza avere la pretesa di sapere tutto. Saranno le scelte a fare il resto. Saranno le parole, le gentilezze, gli abbracci e le risate a lasciare segni in ogni percorso, in ogni condivisione e non importa se domani guarderò il Cielo o sarò ancora lì a respirare sulla riva del mare... ci saranno sempre delle stelle o del vento leggero che sapranno farmi sentire artista della mia stessa vita. 

Buone connessioni dal vostro Phil

  • Musica in ascolto... 

    AddThis Social Bookmark Button

    Comments: