• Gigante Alberobello 2016
  • Slide Sito Piscina
  • filippo gigante scrittore e autore

  • bianco e nero libro di filippo gigante
  • Seguimi su Facebook, Twitter e Instagram | ph. Marika Ramunno

  • Scrittore e Social Media Manager | ph. Gianvito Matarrese

  • BIANCO E NERO | Il romanzo d'esordio | ph. Marika Ramunno

AddThis Social Bookmark Button

su di me

Nato il 10 Febbraio 1983 ad Alberobello. Social Media Manager, amante dello sport e della natura, grande comunicatore e lettore con la passione per il cinema e le nuove tecnologie. Nel 2011 pubblica BIANCO E NERO, un romanzo coinvolgente e poetico che ha emozionato lettori di ogni età. A Luglio 2013 esce il suo secondo romanzo LA PISCINA DELLE MAMME.

Leggi tutto

 

Demo Image

BIANCO E NERO

Il protagonista Alex, è un ragazzo di circa venticinque anni rimasto orfano del padre Domenico e sua madre Marina è una figura alquanto assente in casa.

 

ordine libro

LA PISCINA DELLE MAMME

BERTA ed OLGA, sono le due protagoniste del mio nuovo romanzo La Piscina Delle Mamme. Scopri la loro storia.

 

aforismi e poesie di filippo gigante

POESIE E AFORISMI DI FILIPPO

Filippo Gigante appassionato lettore e scrittore, ci delizierà con i suoi aforismi e le sue poesie grazie all'ospitalità del sito aphorism.it 

 

Stampa

ORONERO di Giorgia | La mia recensione

Scritto da Filippo Gigante. Postato in Non categorizzato

RECENSIONE “ORONERO” DI GIORGIA

Un viaggio musicale tra parole, sentimenti e contemporaneità

Spesso per comunicare qualcosa usiamo l’arte. In questo caso è la musica che, attraverso un album di ben 15 brani, riesce perfettamente a lanciare con maestria dei messaggi importanti che sanno graffiare o accarezzare il nostro tempo. “ORONERO”, prodotto e realizzato da Michele Canova, è il decimo lavoro discografico di inediti di Giorgia una di quelle cantanti e donne che non passano inosservate, perché hanno il dono della forza, dell’ironia e del bel canto.

Questo nuovo viaggio musicale, invita all’ascolto con il primo singolo ORONERO una ballata, scritta dal compagno Emanuel Lo, quasi del tutto raccontata come fosse una storia, la storia di tutti noi che siamo abituati a giudicare l’altro senza nemmeno conoscerlo. Un pianoforte e una melodia rafforzano il senso di ogni parola e il testo sembra urlare a tutti il bisogno di porre attenzione a se stessi, accantonando le solite critiche e avvicinandosi alla ricerca di tutto l’amore possibile che giace in noi. Vivere lasciando perdere tutto quel petrolio che macchia i rapporti umani e che vive solo di apparenza.

 

AddThis Social Bookmark Button
Stampa

Intervista su INKBLOT

Scritto da Filippo Gigante. Postato in Non categorizzato

AddThis Social Bookmark Button