• Gigante Alberobello 2016
  • Slide Sito Piscina
  • filippo gigante scrittore e autore

  • bianco e nero libro di filippo gigante
  • Seguimi su Facebook, Twitter e Instagram | ph. Marika Ramunno

  • Scrittore e Social Media Manager | ph. Gianvito Matarrese

  • BIANCO E NERO | Il romanzo d'esordio | ph. Marika Ramunno

AddThis Social Bookmark Button

su di me

Nato il 10 Febbraio 1983 ad Alberobello. Social Media Manager, amante dello sport e della natura, grande comunicatore e lettore con la passione per il cinema e le nuove tecnologie. Nel 2011 pubblica BIANCO E NERO, un romanzo coinvolgente e poetico che ha emozionato lettori di ogni età. A Luglio 2013 esce il suo secondo romanzo LA PISCINA DELLE MAMME.

Leggi tutto

 

PAROLA AI LETTORI

Postato in Non categorizzato

Ragazzi e ragazze un libro che non puo mancare su nessuna libreria ... un consiglio non mettetelo di lato , ma frontale , solo la copertina vale per essere esposta ... buona lettura... Filippo aspettiamo un secondo libro al piu presto! | Pasquale Pomposelli

 

Ciao Filippo, ho terminato di leggere BIANCO E NERO. L’impressione positiva provata sin dalle prime pagine si è mantenuta, se non addirittura aumentata fino al termine. Ammiro la sonorità poetica con la quale argomenti tutti i tuoi concetti molto profondi e riesci a sondare la complessità dell’animo umano. Ti confesso che spesso mi sono trovato a rileggere alcuni passaggi, non perché non fossero chiari ma per il loro interesse e per le sensazioni che mi suscitavano. La lettura mi ha coinvolto molto da vicino. Ti rinnovo i miei complimenti. BIANCO E NERO è una buona lettura, si legge benissimo, ti fa riflettere, ti fa mettere in discussione e ti lascia molto. | Paolo Piani (Autore de "Un Povero Diavolo", Mauro Pagliai Editore)

 

"Bianco e nero" è un libro carico di pensieri positivi e di buoni sentimenti. Denota soprattutto la forte fede in Dio dell`autore; e in considerazione del periodo di profonda incertezza che stiamo vivendo, ritengo che ciò rappresenti una grandissima ricchezza. Complimenti Filippo! | Luca Terenzoni (Autore di "Primavera in Borgogna)

 

Un viaggio interiore scandito da "respiri" piuttosto che capitoli, una sorta di esortazione a reagire davanti al lutto, la malattia, la mancanza di dialogo e l`indifferenza. Linguaggio a volte ricercato ma comprensibile penso per tutti, intriso di sentimento e spiritualità. Belle le illustrazioni che, di tanto in tanto, accompagnano la vicenda esprimendo visivamente ciò che lo scritto evoca nella mente del lettore. In calce vi sono, poi, tre brevi racconti, episodi più o meno lunghi, quasi l`inizio di altre storie | Stefania - BLOG "LE PASSIONI DI STE"

 

Grazie mille per la dedica e soprattutto per il tuo bellissimo libro, me ne son davvero INNAMORATA e son solo arrivata al Sesto Respiro! Avevo davvero una voglia irresistibile di leggerlo! E poi il connubio tra le tue parole e le illustrazioni di Davide, sono il massimo! | Claudia Castellana

 

Sei riuscito a farmi innamorare ancora più intensamente della mia vita...... grazie | Paola B.

 

Consigliato! Una vera sorpresa letteraria! | Emanuela

 

Ho finito poco fa il tuo libro ... Davvero complimenti ... Mi piace molto il tuo modo di scrivere ... Mi piace molto quello che passa dal tuo scrivere. Una bella emozione leggerti ... Buona vita ... E grazie per avermi donato Un po` del sole che hai dentro | Giovanna Mottini

 

L`intervista con Gigante, su Scrittore Vincente è molto utile per noi emergenti. Il sito l’ho trovato accattivante e diverso dai soliti, soprattutto per la modalità con cui si presenta. Certo non ho le pretese di vendere così tante copie, ma mi piacerebbe uscire dalla ristretta cerchia in cui per il momento sono riuscita a promuovere il mio libro. In ogni caso condivido pienamente che scrivere è un momento di catarsi individuale, di espressione del nostro e continuerò a farlo al di là del successo commerciale. Grazie | Luisa

 

Sinceri complimenti per il sito, Filippo: davvero efficace e piacevole, pieno di sostanza quanto semplice. Mi hai dato più di un suggerimento, c’è sempre da imparare… | Luciano

 

Nella rassegna stampa del suo sito ho letto una bella intervista, ariosa. Un ragazzo che sembra avere le idee chiare. Sono d’accordo con lui che la autopromozione è il futuro dell’editoria, e che gli strumenti che offre adesso la rete danno molte possibilità in più rispetto anche solo a 5 anni fa. certo non si potrà pretendere di diventare (forse) degli scrittori da centomila copie, ma uscire dal guscio classico degli amici -parenti-stretti conoscenti e provare a costruire un percorso, questo sì. | Nicola

 

Ho visitato il sito di Gigante: è ok. Design semplice ma accattivante, soprattutto mi hanno colpito le parole che ha inserito nella presentazione di se stesso e del sito. Leggendo una sua intervista, non posso che condividere le sue parole per quanto riguarda il desiderio di scrivere inteso come liberazione di emozioni. | Susanna Polimanti

 

Entrare nella mente del lettore è sempre una bella missione, Gigante ci è riuscito, lasciando riflettere e immedesimare il lettore come se fosse al posto del protagonista. Bella idea l`inserimento di vignette. Nel complesso un`interessante novità letteraria. | Nico R.

 

E` sempre bello scoprire nuovi autori e credo di dovermi complimentare con te per questa tua prima opera. Mi hai suscitato commozione in alcuni capitoli, mi hai fatto sorridere di buon gusto per avermi fatto ricordare come sia importante vivere. | Maria Cristina (Bologna)

 

Sono sicura di aver letto un`opera che merita una larga attenzione di pubblico. Complimenti. | Dora C.

 

Si legge con piacevolezza. Merita di essere letto anche più volte e con diversi stati d`animo. Le tue parole mi hanno aiutato a trovare più positività nelle cose. Grazie | Miriam

 

Mi ha colpito molto nel profondo anche la frase " Se sei sincero con te stesso,stai già iniziando ad amarti e ti accorgi di quanto sia bello amare chi ti è accanto" Esaminandomi interiormente vedo molto il bisogno di essere sincero con me stesso e in quello che credo essere giusto. | Vito Manfredi

 

Carissimo Filippo, il tuo libro è una poesia in prosa. Non è una semplice fabula: è piuttosto soggettiva che narra episodi personali ed emozioni vissute intensamente col sentimento. La tua opera mi è piaciuta moltissimo: resta un testo speciale tra le mie preferite letterarie. Gli episodi illustrati nella lettura diventano oggettivi e condivisibili. Complimenti vivissimi. Ad majora. | prof. Anna Maria Gallo

 

E' un libro di 150 pagine che leggi con leggerezza e piacevolezza. Un libro che riesce a farti riflettere, portando la mente a soffermarsi sul proprio vissuto. Bellissimo l'incontro tra il protagonista Alex con Damabiah, il clown bianco. Bella la descrizione del suggestivo giardino dei nonni e davvero ottime le illustrazioni interne. Una copertina e un primo capitolo (respiro) che incuriosiscono la lettura.| Giovanni C. (QLibri)

 

La mia mamma si è commossa vedendo la foto del disegno, i ringraziamenti alla fine del libro e il modo sublime con cui hai narrato il giardino da pagina 48. Grazie Filippo, da parte di Desi e mariuccia e complimenti per il tuo meraviglioso lavoro! | Desireè

 

Ottimo libro. Dopo il secondo respiro inizierete ad incuriosirvi alla grande. Complimenti. | Ruggiero S.

 

L'spressione di una immagine che si vede solo nel cuore è fortemente soggettiva eppure il modo dell'espressione e lo stile semplice e leggero trasmette anche le sensazioni più forti con una realtà che si impadronisce delicatamente dell'oggettività! Con il tuo buon pensiero hai fatto pensare anche noi... Il tuo dialogo e le tue storie sono espresse con una poesia dolcissima... si coglie la gentilezza di un cuore abituato ad amare la vita e a superare ogni prova! Potrei pensare che la forza dell'espressività sia il frutto di una ricercata fonte d'acqua dissetante, trovata e ripetutamente consultata come un libro, il tuo libro! Chissà quanti desideri ancora vi sono da esprimere... quelli ancora da pensare e quelli già consolidati... tutti sfiorano e si rincorrono attorno alla gentilezza di un linguaggio ormai perduto da questo mondo abituato alla parola "fare"! Non stancarsi di vivere mi sembra che sia il progetto di gioia che vuoi esprimere assieme al desiderio di realizzare un sogno che mentre lo pensi diventa reale... e divenuto reale ritorna sogno da realizzarsi ancora in un altra creatura... Stai aprendo il tuo cammino mentre già percorri una strada avviata... piccolo e saggio; giovane e intraprendente; poetico e serio; sorridi e lasci riflettere... un pensiero che non lascia mai certezza ma che apre sempre alla discussione! E' favolosamente intrigante leggere tutto d'un fiato il tuo libro... ma anche soffermarsi nei racconti, entrandovi dentro e scegliendo la personificazione di un soggetto che ci assomiglia e quasi racconta le nostre storie, le nostre vite...le vite di ognuno! Forse hai spiato anche la mia...? Giuseppe Cascardi

 

Un romanzo che ti lascia la possibilità di pensare e se vuoi ti sprona ad agire per il bene... Mi ha colpito particolarmente la poesia secondo me racchiude il senso di tutto il romanzo. E poi quel racconto di nonno Sato (quello dei bambini che riponevano i loro desideri tra i tronchi dell'albero)... In qualsiasi modo siano andate le cose, credo che il tuo romanzo sia stato un buon "biglietto da visita" per farti conoscere. Con questo romanzo chi vuole, può capire chi sei, in cosa credi e in che cosa speri! Ad maiora! | Angela Spina

 

Una riflessione sulla nostra esistenza, in un mondo nel quale noi non abbiamo più il tempo di riflettere. Uno dei nostri mali è quello di correre, di inseguire chissà che cosa e quindi di riflettere poco. Filippo, invece, ci fa riflettere e lo si legge con piacere tra le 150 pagine del suo romanzo. Qui non c'è pessimismo, c'è invece il prevalere del bianco, qui c'è il bianco e il nero, però prevale il bianco. Non a caso, alla fine c'è la presenza di un clown bianco, c'è sempre questa serenità che si diffonde, nonostante i momenti difficili. Bello il passo dedicato all'amore. | prof. Nardino R.

 

Contrapposizioni, ying e yang, spiritualità interiore. Un romanzo moderno sa come affrontare tematiche complicate, specie se riferite al mondo dei giovani, in continuo mutamento, ma talvolta ancorato a valori che credevamo perduto come l'amore, l'affetto e la profondità interiore. Uno spruzzo di bianco in un mondo nero. Libro avvincente, adatto ai più giovani ma non solo, promosso anche in modo innovativo e originale. Bianco e Nero si legge tutto d'un fiato ed è arricchito dalle incantate illustrazioni 'zen' di Davide Gigante, fratello dell'autore. Attualissimi anche i canali di diffusione dell'opera, a cominciare internet (il sito www.biancoenerobook.it) e da Facebook con gli internauti che hanno scelto la copertina e il nome del protagonista. | Nicola Andrisani (BariLive)

 

Le pagine scorrono senza problemi, non vedi l'ora di sapere come finisce e sei trasportato inconsapevolmente nel libro, grazie anche alle bellissime illustrazioni. Consigliato :) GIO

 

MI PIACE LO SPIRITO DI POSITIVITA' CHE TRASUDA DALLE PAROLE DEL TUO TESTO SICURAMENTE SONO RASSICURANTI E DI AIUTO PER ADOLESCENTI E PER GLI ADULTI CHE SI LASCIANO PRENDERE DALLA NEGATIVITA' DELLE COSE... | Tea Di Lorenzo (RadioPuglia)

 

Una bella lettura che trasmette serenità e spunti x momenti di riflessione. Personalmente la lettura del nono capitolo ha rispecchiato un momento della mia vita che ancora non riesco a superare riuscendo a farmi capire che forse esiste del bianco nel nero di ciò che mi è accaduto e della mia delusione. Quindi grazie di cuore!! Spero che questa riflessione possa mostrare i suoi frutti nel tempo... |Alessandra Giorgia Zazzera

 

Un libro che con la sua semplicità è riuscito a farmi commuovere a apprezzare ancora di più la vita e le piccole cose che la circonda! Da comprare! "sono sempre le tempeste a smuovere le nostre vite" parole sante :) grande Filippo! |Alberto82

 

...si capisce che il suo romanzo è scritto con la pancia e con il cuore, non voglio dare giudizi a priori, ma sento a intuito questo nelle sue parole e confesso che mi piace il fatto che lui abbia avuto il coraggio di uscire allo scoperto, investendo di suo, mettendoci la faccia e anche gli euro, per una cosa nella quale crede: il suo romanzo| Francesco Semeraro (Alberobello Web)

 

Il tuo libro è fuori dal comune. Non ho mai letto una tal bellezza che si spande per la muta carta. Sembra quasi che essa fosse felice, perché a contatto con l’inchiostro proveniente da così abile mano. Ma tutto il libro è un “cuore che batte” all’impazzata, è come un bambino che corre all’impazzata perché vuole catturare il vento, e come un fulmine, che con il massimo della sua potenza, spacca le finestre, insomma scuote dal primo capello della testa, fino al più piccola cellula posizionata sul piede. Il tuo lavoro, sembra abbandonare gli standard libreschi. Non è romanzo. Neanche un racconto. Non un brano allietante. E’ una pagina di diario, o meglio un intero diario di un ragazzo alla ricerca, riversato come in un mega foglio, dove spasmodicamente i due colori, il bianco e il nero, vanno in contrapposizione, e dove si vuole vedere quale dei due colori prevarrà… Ma c’è da rimanere semplicemente stupiti… essi sono in continuo equilibrio. Non mancano le situazioni di ironia, quella che caratterizza un 25enne alla ricerca della felicità… un’ironia simile a quella dei comici, che nasconde una dolce/amare concezione della vita; senza trascurare poi i colpi di scena: personaggi versatili, che si presentano secondo uno standard, e poi in realtà sono ben altro, più positivi, capaci di apportare miglioramenti alla propria esistenza, per la serie “si guarda ma non di vede”, “si udiva ma non si ascoltava” coloro che ci stanno accanto. La ricerca della felicità, come dici  tu, e racchiusa nel capire, ma io oserei dire, nello svelare se stessi. Inizialmente è doloroso, ma poi è piacevole e senti che il mondo è tutto dentro di te, anzi, il mondo è dentro il cuore, e gira a ritmo di ogni palpito di esso. La vita smette così di essere sopravivenza…. Ma diventa quella che è dal principio… diventa vita. Con l’augurio che tu possa avere successo, che tu possa regalare lacrime liberatorie, che tu possa lasciare il fiato corto, che tu posso insegnare cosa è la speranza, e che tu non smetta mai di sognare, consegno a te la mia fedeltà e il mio legame che ci unisce, con la forte certezza che aumenterà… | Fabio S. (Bari)

 

Libro davvero molto interessante e assolutamente coinvolgente per la capacità dell'autore di saper interpretare al meglio questa storia fatta di buoni sentimenti e capacità d'amare. Una lettura scorrevole e piacevole che personalmente mi ha aiutato anche a svolgere una piccola analisi interiore;in poche parole un libro che consiglio a tutti. | Claudio Napoletano

 

Assolutamente da leggere. Un romanzo che mi ha davvero trascinato ed emozionato. Abbiamo bisogno di imparare dalle piccole cose. Consigliato! :)) |Paolo F.

 

Molto spesso c'è sempre poco spazio e promozione per i giovani esordienti. Spero tu possa arrivare sempre più in alto, perché caro Filippo il tuo libro merita di essere letto da molta gente! | Stefania

 

Io ho intenzione di complimentarmi con te per i tuoi pensieri profondi, quasi metafisici!!! bravo Filippo, continua così perchè hai il dono di saper dire delle cose che molti nn riescono a tradurre in parole e le lasciano vagare nella loro mente... | Rosa Settanni

 

Bè...se ti dicessi che queste parole mi servono proprio ora che mi sento risucchiare invece di emergere?!? Forse calzano a pennello Fil...a pennello... :) | Anna Maria Di Lernia

 

Filippo se non ti conoscessi penserei che tutto ciò l'avesse scritto un vecchio saggio! Complimenti, nonostante la tua giovane età riesci a trasmettere un messaggio importante per tutti: la positività con la quale si deve affrontare la vita sta in noi stessi, basta cercarla!! C'è chi impiega tutta la vita per capirlo! | Angela Maria Sabatelli

 

Per me è stato commovente e trascinante. Bella l'idea del clown bianco! E' stato come assaporare la bellezza e la poesia delle pagine de IL PICCOLO PRINCIPE. BRAVO!! | Alessandra B.

 

Complimenti..continua sempre a fermare i tuoi pensieri...RESTERAI SEMPRE VIVO!...LO SPETTACOLO DELLA NOSTRA VITA è DIETRO LE QUINTE....LA DIRETTA SERVE SOLO PER LO PER RIEMPIRE GLI SPAZI...ciao Filippo.. | Americo D'Ambrogio

 

Grande Filippo... bellissime parole, un testo che fa riflettere... | Rocco G.

 

Hanno sfondato persone che non sanno mettere due parole in fila senza infilarci in mezzo una parolaccia pur di "attirare l'attenzione" (es: pulsatilla), non vedo perchè non dovresti provarci tu!! Ciaooo salutami i trulli!!  | Delia Serio

AddThis Social Bookmark Button

Comments: