Stampa

Nuova intervista pubblicata su "Emozioni di una musa"

Scritto da Filippo Gigante on . Postato in interviste

Dopo la segnalazione (vedi link), ecco la pubblicazione di una nuova intervista sul blog letterario "Emozioni di una musa". Di seguito uno stralcio all'intervista completa.

LEGGI L'INTERVISTA

Deve essere molto gratificante avere questo genere di sostegno dai lettori. Come fai però a trovare il tempo per scrivere? Oltre a quello, hai anche tante altre passioni...
Il tempo per se stessi e per gli altri bisogna trovarlo. E' ciò che ci permette di arricchire il nostro animo e che personalmente mi spinge a trovare nella scrittura, il modo per me più spontaneo di poter comunicare anche a lunghe distanze.

Attraverso le mie storie desidero lasciare un seme nei lettori, un concetto che possa evolvere in una consapevolezza, una riflessione, un modo di poter scavare nella propria anima riscoprendo, spero, il senso della riconoscenza e soprattutto dell'esistenza che spesso si nasconde nei tempi di una nascita, di una morte e di un rinnovamento di un sentimento, uno stato d'animo che aspettava solamente di essere rispolverato dalla semplice, ma sempre efficace forza delle parole. Ci sono stati lettori che attraverso i miei racconti, hanno cambiato in meglio la loro vita oppure hanno deciso di tatuarsi alcune frasi dei miei libri, su tutte: "Seguimi, ma fammi strada".
Sono gesti che mi sorprendono, sono dei doni che accolgo con piacere e con quella consapevolezza di come ogni forma d'arte possa davvero toccare i cuori della gente. Il tempo per scrivere, perciò riesco a trovarlo perché sento che in parte c'è una piccola missione per ognuno di noi e forse, per me, è quella di trasmettere dei messaggi positivi, carichi di buone speranze. Tra le mie passioni c'è un filo conduttore che è quello del miglioramento, di quella possibilità di poter andare avanti sempre, a fronte di ogni difficoltà o sacrificio. E' più che gratificante ricevere un sostegno dai lettori, è rigenerante.

 

AddThis Social Bookmark Button

Comments: